Contatti  
Email: info@albatroshotel.it Telefono: +39 0833.712174 Corso Venezia, 12 - 73040 Torre Vado (LE)

Chi siamo

Della Puglia il Salento rappresenta l'angolo estremo ma anche più suggestivo, che, con l'amabilità dei suoi abitanti, la dolcezza del clima la varietà e ricchezza dei suoi paesaggi e delle sue tradizioni culturali incanta il turista e lo ripaga ampiamente della fatica di raggiungerlo. Posta a cavallo di due mari, l'Adriatico e lo Ionio, la penisola salentina offre al visitatore esterno una variopinta ghirlanda di piccoli centri balneari dalle insenature ridenti, dalle spiagge ampie e sabbiose, dalle coste alte verdeggianti, a picco sul mare, ma offre pure una sorprendente mappa di centri interni, piccoli e grandi, raccolti a grappoli intorno ad antichi castelli e chiese medievali, immersi nel verde intenso degli ulivi, splendenti nella luce bianca di calce che li veste. Terra da sempre ospitale e generosa, approdo di popoli diversi, il SALENTO, sin dal tempo dei Messapi e dei Greci, ha saputo accogliere ed amalgamare lingue e culture diverse, senza mai perdere, anzi rafforzando la propria identità, che tuttora vive nel colore delle proprie tradizioni, nella semplicità degli usi e costumi della gente.

Tra le spiagge del Salento TORRE VADO è rinomata per la dolcezza del paesaggio e per la bellezza del suo mare, dalle acque incredibilmente cristalline. Sorta intorno ad una torre cinquecentesca, costruita a difesa del territorio contro le incursioni saracene, TORRE VADO è diventata un centro balneare molto apprezzato per le particolari risorse ambientali e le favorevoli condizioni logistiche. Posta a cavallo di una dolce e ridente scogliera e di chilometri di spiaggia dalla sabbia dorata, offre al villeggiante possibilità diverse di entrare in rapporto diretto con una natura ricca e varia. Mentre il porticciolo turistico assicura un tranquillo rifugio alle imbarcazioni da diporto e la scuola subacquea Deving Service aiuta a scoprire i meravigliosi fondali marini, la pittoresca campagna circostante offre suggestivi percorsi alla scoperta dei segni del passato e delle testimonianze della civiltà contadina. La posizione geografica e la buona rete viaria favoriscono interessanti escursioni all'interno per la lettura diretta di un territorio ricco di storia, di arte e di cultura, e lungo le coste per scoprire grotte e paesaggi indescrivibili, ma soprattutto per ammirare lo splendore di un mare che non ha eguali in Europa.

Dove siamo

Affacciato su uno specchio d'acqua incantevole e su una spiaggia ridente, l'HOTEL ALBATROS offre ai suoi turisti una comoda e tranquilla accoglienza per le proprie vacanze. Gli ampi spazi verdi, le ampie sale eleganti, le camere confortevoli, gli arredi vivaci, la struttura semplice e funzionale, la disponibilità cortese e discreta del personale creano un'atmosfera familiare, un clima sereno e spontaneo che mette l'ospite a suo agio e gli consente di vivere in libertà le proprie vacanze. Il parcheggio privato, la terrazza sul mare, l'aria condizionata negli ambienti comuni, gli ampi balconi privati, la qualità dei servizi rendono piacevole e rilassante la permanenza.

L'Hotel Albatros dotato di attrezzature moderne e funzionali, di ampi spazi coperti e scoperti, di servizi efficienti, di personale sempre pronto a rendere la vostra permanenza indimenticabile, offre le condizioni ottimali per una vacanza libera e serena. Gusto ed eleganza contraddistinguono gli interni. La semplicità degli arredi, la vivacità dei colori creano un'atmosfera familiare e gioiosa.

L'Hotel Albatros è posto al centro di un'ampia ed incantevole insenatura, proprio dove chilometri di sabbia doarata si incontrano con una scogliera dolcissima e polle d'acqua sorgiva zampillano tra le rocce affioranti, creando nel mare cristallino effetti cromatici indescrivibili. Le camere ampie ed ariose, arredate in modo funzionale ed armonico, dotate di servizi moderni con ampi balconi affacciati sul mare, sono immerse nella verde cornice di un giardino dalla vegetazione lussureggiante.


Ristorante

Il servizio di ristorazione si avvale di apparecchiature moderne, igienicamente sicure e di personale qualificato ed esperto, capace di offrire agli ospiti le migliori tradizioni della cucina salentina. Le orecchiette, le "sagne" di semola di grano duro, l'olio d'oliva, il vino liquoroso, frutti di una terra fertile; le spigole. Le aragoste, le cernie, doni di un mare pescoso; i profumi intensi, le ricette semplici, i sapori genuini, segni di una natura generosa, di una cultura antica, di una popolazione laboriosa ed amica.

Il Salento

Il fascino del Salento risiede, in gran parte, nel suo aspetto selvaggio, non intaccato dall'intervento dell'uomo. Pregio e difetto di queste terre è un'economia turistica non eccezionalmente sviluppata.

Se si è alla ricerca di divertimenti folli, con notti travolgenti in discoteche, non è questo il luogo giusto, ma se cercate luoghi incontaminati, sereni, dove il contatto con gli abitanti del luogo è autentico, sicuramente questo è il posto adatto. In queste zone infatti i divertimenti si possono definire più tranquilli: una passeggiata serale sul lungomare, quattro chiacchere in un bar all'aperto.

Nell'ambito dell'annuale controllo da parte di Goletta verde, sullo stato dei nostri mari, risulta che questo tratto di mare gode di buona salute.
Fra le prime spiagge in testa alla classifica, troviamo Pescoluse e le sue spiagge limitrofe, bandiera blu negli ultimi anni.
La costa vicina all'hotel è caratterizzata da scogliere alternate a spiagge bianchissime, bagnate da un mare cristallino e incontaminato, paradiso per gli appassionati di sport "marini", dove poter praticare immersioni, sci d'acqua e quant' altro; ma dove anche gli irriducibili della tintarella, potranno godere di candide spiagge. Se siete persone che cercano solo il bel mare, il consiglio è di visitare le spiagge delle Maldive del Salento, vicino all'Hotel, bianchissime, con sabbia sottile, un tratto di mare che non dimenticherete.

Il Salento, collocato all'estremità della Puglia, è una terra ancora a molti sconosciuta, tutta da esplorare Terra arcaica e schiva, abitata da gente laboriosa e indipendente, mite e ospitale, ma profondamente legata alle proprie radici, attende di essere scoperta e difficilmente si propone e divulga le sue bellezze. La prima impressione di chi la visita è quella di trovarsi in una bomboniera, un luogo isolato e fuori dal tempo. La luce forte e dolente, i palazzi di ispirazione spagnola, ormai disabitati, che le nuvole incorniciano come gioielli nello scrigno, gli ampi chiostri silenziosi, il mare favolosamente tranquillo e limpido, le ghirlande dei pozzi, i tufi, le rovine, i monumenti megalitici, gli olivi con le lance argentee nel cielo, le paiare silenziose, le masserie merlate e turrite danno l'impressione di una terra malinconica e immobile.
Ma c'è in questa terra come un'aria di attesa, che ti suggestiona, appena arrivi. E' il mare che ti attende e ti accoglie, un mare che racconta miti e storia di approdi. Approdi di antichi dei greci: Pan, la cui siringa ancora risuona nella campagna assolata, le ninfe ionie che sbucano dalle grotte marine, Dioniso, che insegnò alle fanciulle la danza, battendo ritmicamente il suo cembalo, che qui chiamarono tamburieddhu.

Ma anche Messapi, Greci, Bizantini, Svevi, Normanni, Aragonesi, Spagnoli e tutti hanno lasciato un segno, non solo nei monumenti, ma anche nei geni, nell'intelligenza fervida e versatile dei salentini, curiosi scopritori del nuovo, artisti, poeti, musicisti, che hanno reinventato, in forme diverse, tutto quello che hanno appreso dallo straniero.
Per questo il forestiero, che qui casualmente approda, trova accoglienza, calore e rispetto.
Si immerge subito in un clima fuori dal tempo, in cui ancora sopravvivono gli antichi valori e il padre dice al figlio" Figlio mio, ascolta i miei saggi consigli, fa attenzione agli insegnamenti delle mia esperienza!" e il figlio docilmente ascolta, in cui la donna è madre di vecchia tempra, prudente, amorevole, pronta al sacrificio, ma non per questo succube, anzi rispettata da tutti come la colonna della casa. Una donna, che ancora ricorda la sua progenitrice curva nell'angusta stanza del telaio, ma non schiava della sua miseria e della fatica, anzi artista, capace di eseguire al lumicino il suo lavoro con raffinato estro artistico.
E' per questo forse che il salentino è tanto restio ad abbandonare per sempre la sua terra e sempre qui ritorna, perché è geloso della sua libertà.
Che cosa altro dire al forestiero, che qui curioso viene ad esplorare?
Invitarlo solo a visitare Lecce, la signorile, la raffinata, Otranto, l'orientale, Gallipoli, la città bella, Leuca la bianca, col suo Santuario, Morciano, la rocciosa, coi suoi olivi e il suo mare, Salve e le sue interminabili coste e tanti altri ancora.
Incontrerà gentilezza di modi, rispetto, discrezione e calore umano, avrà piccoli doni e testimonianze di affetto.

Non si rammaricherà di essersi spinto fino al lembo estremo, al de finibus terrae.

Se avete informazioni da richiederci contattateci al 0833.712174 o alla mail info@albatroshotel.it